15 agosto 2017

Il rubinetto di Roberto.

Curiosa scoperta questa mattina. Ascoltando alla radio il consueto almanacco quotidiano, mi sono imbattuto, per caso, nell’etimologia della parola “rubinetto”, e scopro che il nome Roberto […]
15 agosto 2017

Spaesamento.

Le avventure più grandi provengono dalla disponibilità all’inatteso. Si tratta di un andare verso un itinerario simbolico, che giunge dal cuore della propria anima spaesata, permettendo, […]
15 agosto 2017

Condivisione: perché è importante.

Ritengo che il valore della condivisione sia di eccezionale portata. Ogni evento suffragato dalla forza di una comune partecipazione si trasforma in assicurato successo. E, per […]
15 agosto 2017

Rinascere dalla spiritualità.

Stamane, sfogliando un giornale, sono stato colpito dai seguenti dati: il terremoto, nelle regioni di Marche, Umbria, Lazio ed Abruzzo, ha distrutto e danneggiato ben 990 […]
15 agosto 2017

La leggerezza della creatività.

La creatività si esprime meglio se coadiuvata dalla leggerezza. Si tratta di “sottrarre peso” alla struttura del racconto e del linguaggio, laddove si cerchi di raccordare […]
15 agosto 2017

La sintonia con se stessi.

Ritrovarsi davanti al mare calmo, piatto. Respirare il profumo dello iodio. Rilassarsi assaporando sulla pelle la freschezza dell’acqua. Guardare lontano. Proviamo a portarci appresso un taccuino […]

Writer’s bio


S Ciao, sono Roberto De Donno. Chi mi conosce dice di me che sono un professionista poliedrico, capace di coniugare in un unicum la mia anima di esperto di marketing e comunicazione con quella di formatore. Mi piace molto stare con le persone, ascoltare le loro storie, osservare i loro gesti. In quanto esperto di marketing territoriale, adoro visitare luoghi nuovi, entrare in contatto con i loro spazi e contesti, assaporandone i profumi e gustandone i sapori. Non è un caso, infatti, che una delle mie passioni principali siano proprio i prodotti de.co. che ho scoperto in giro per l'Italia e non solo! Ritengo che per costruire sapientemente il futuro occorra saper innovare ed io cerco in ogni modo di stare sul campo, di battere il tempo e di guardare lontano. Ebbene, mi definisco un sognatore visionario lungimirante, tanto da portare avanti con convinzione il progetto Cashbackworld. Credo nei giovani e nelle loro potenzialità. Sono del parere che questo mondo vada migliorato e pertanto mi prodigo a tracciare percorsi interessanti a livello professionale e relazionale, perché bisogna farsi portavoce del saper fare e del saper scegliere.